Un genere letterario è per sempre: ma anche no!

Buonasera. Scrivo questo post, anche se magari non interesserà a nessuno, per annunciare il mio ritiro dal NaNoWriMo. Il motivo è semplice: mi sono resa conto che non voglio scrivere più libri romance. E’ un genere che non mi dà più alcun stimolo, mi va stretto, mi soffoca. Odio l’idea di non riuscire a fare di meglio.
E allora perché non provare a scrivere qualcosa che vada oltre gli schemi e i confini di genere?  Perché non provare a guardare la vita con altri occhi?

La vita non è solamente rosa, grigia o nera. E’ fatta di un infinità di sfumature diverse: il romance, certo, ma anche l’azione, il dramma, la suspence, l’ironia.

Per alcuni autori specializzarsi in un unico genere letterario può essere come un ergastolo. I lettori si aspettano sempre quello, più vai avanti più è difficile cambiare, e alla fine ti ritrovi con diverse pubblicazioni all’attivo e nessun stimolo per continuare.

No, io non ci sto. Ho bisogno di aria fresca. Per me stessa, per i lettori costretti a sopportare i miei “scleri”, per tutte le storie e ho iniziato e poi non ho finito solennemente perché non mi convivevano.

Mi dispiace, sono fatta così. Non scrivo tanto per scrivere, ma per migliorare, per crescere come autrice e sopratutto per divertirmi.

Se realizzare una storia non mi rende felice, per me non ha senso scriverla.

Ringrazio tutte le lettrici che hanno letto i miei libri e vorranno dare una possibilità anche ai nuovi. Quelli che invece penseranno sarebbe stato meglio continuassi a scrivere rosa. E quelli che decideranno di darmi fiducia proprio ora, che ne ho così bisogno.

Ho deciso di iniziare proprio da qui, da questo spazietto virtuale tutto “nostro” nel quale presto creerò una sezione dedicata ai racconti gratuiti. 

E allora che dite, ripartiamo insieme?

2 thoughts on “Un genere letterario è per sempre: ma anche no!

  1. Valentina, anche la scrittura è fatta di cambiamenti e progressi… si scrive per mille motivi diversi e se un genere non rientra più nelle tue corde è giusto iniziare a esplorare nuovi orizzonti.

    1. Grazie Giada! E’ che mi piace sperimentare. Se non lo faccio adesso che sono ancora “giovane”, quando lo dovrei fare? Nella scrittura, come nella vita, ci vuole coraggio!

Comments are closed.