Il bello di scommettere sui propri sogni.

Oggi è un giorno triste, per certi versi, e molto bello per altri.
Oggi il mio percorso nel mondo dell’editoria, inteso in senso tradizionale, finisce, senza rimpianti o recriminazioni ma solo per una scelta personale…ma non lo è affatto quello nella scrittura. Anzi, la voglia di alzare l’asticella e mettermi in gioco in prima persona è sempre più forte.
Voglio vivere nella scrittura, non “per” la scrittura. Non è qualcosa da cui dipendo, fa parte di me. Il sogno di emozionarmi ed emozionare i lettori non è morto, è diventato più grande e autentico. Si è trasformato, in un certo senso, in una scommessa verso me stessa.
Da oggi, per quanto riguarda le mie storie, ci sarà solo la collana VBooks, nelle  varie sfumature. 
Da oggi, per i miei libri, ci sarò solo io e i lettori che vorranno dargli fiducia. Non si torna indietro, si va avanti perché la strada è ancora lunga e ora inizia il bello. 

Si inizia con la seconda edizione di Don’t let me in, il 22 febbraio. 

Ma sto lavorando anche a un libro inedito. 

banner

Che dire, si prospetta un anno interessante e molto impegnativo. Se vincerò questa scommessa sarà merito vostro!